Bufera calcioscommesse Perquisizioni a Verona

La Procura di Napoli che indaga sul giro di scommesse dietro alle partite di serie A e B avrebbe oridnato alcune perquisizioni a Verona. Tra i destinatari dei provvedimenti figurerebbero ex calciatori e un addetto ai lavori dei quali non sono noti i nomi. Sugli sviluppi dell’inchiesta i pm del pool coordinato dal procuratore aggiunto Giovanni Melillo, mantengono uno stretto riserbo. L’ipotesi di reato è di associazione per delinquere finalizzata alla frode sportiva

Verona. Perquisizioni eseguite dalla squadra mobile e alcuni computer sequestrati che saranno esaminati dagli esperti nelle prossime ore. È l’iniziativa adottata dalla procura di Napoli nei giorni scorsi - ma la notizia si è appresa solo oggi - nell’ambito di uno dei filoni dell’inchiesta sul calcioscommesse condotta dalla magistratura partenopea. A quanto si è appreso, alcune perquisizioni sono avvenute a Verona. Tra i destinatari dei provvedimenti figurerebbero ex calciatori e un addetto ai lavori dei quali non sono noti i nomi.
Sugli sviluppi dell’inchiesta i pm del pool coordinato dal procuratore aggiunto Giovanni Melillo, mantengono uno stretto riserbo. L’ipotesi di reato formulata dei decreti dei pm è di associazione per delinquere finalizzata alla frode sportiva. Gli inquirenti starebbero accertando il ruolo avuto dagli indagati e eventuali contatti con giocatori in attività che potrebbero essere coinvolti nel giro delle scommesse. I magistrati contano di ricavare informazioni dagli accertamenti sui computer sequestrati.

fonte : ilgiornaledivicenza.it

0 commenti:

Posta un commento

Flash News

Post recenti