Il Mantova in vendita a un euro

fabrizio_lori_mantova Il Mantova? Costa quanto un caffè. Per quanto all’apparenza paradossale, è proprio così: considerando la grave crisi che la società biancorossa sta attraversando, è proprio questa la soluzione che il presidente Lori sta cercando per fare uscire il Mantova dai guai, ovvero quella di cedere le proprie quote del club per la cifra simbolica di un euro, appunto quanto il costo di un caffè. Gli incontri e le telefonate che si sono susseguite anche ieri fra Lori, il consulente mantovano Angelo Perini e la cordata milanese che quest’ultimo rappresenta, lasciano infatti sperare una positiva conclusione per il futuro del Mantova, evitando così lo spettro del fallimento a fine stagione: Lori ha sostanzialmente deciso di regalare il club a chi accetterà di acquistarlo, ma ovviamente chi gli subentrerà dovrà accollarsi i debiti che oggi il sodalizio ha nei confronti dei calciatori e di altri creditori, onorando gli impegni presi e sistemando nel migliore dei modi il bilancio al fine di permettere l’iscrizione al prossimo campionato. Quale campionato sarà, in questo caso, lo deciderebbe solamente il campo, in queste ultime giornate nelle quali capitan Notari e compagni sono chiamati a salvare una stagione davvero poco memorabile. Proprio per questo motivo, mentre in città si tenta di capire da chi sia composta la cordata («Si tratta di persone che hanno già operato nel calcio, ma non a Mantova», si è limitato ad informare Perini), il tecnico Michele Serena e la squadra si avvicinano alla trasferta di Salerno con la consapevolezza che un successo sarebbe necessario anche ai fini della positiva conclusione della situazione societaria. Il motivo è presto detto: chi acquisterà il Mantova dovrà farlo al più presto, e senza avere oggi la certezza se la salvezza sul campo arriverà o meno, pertanto tutto l’ambiente biancorosso dovrà dare il massimo per garantirsi la conferma, meglio ancora se in serie B. Vietato distrarsi e ancora più vietato è presentarsi agli occhi dei futuri acquirenti con prestazioni vergognose come quella di Cittadella. Naturale dunque che quella dell’Arechi sia una partita di fondamentale importanza, perché una sconfitta contro una squadra che non ha più nulla da chiedere sarebbe dura da digerire per chiunque. Gli occhi di Serena ieri erano puntati principalmente su Pellicori: risolti i problemi al ginocchio, a frenarlo in questa settimana è stata una forma influenzale. L’ex avellinese non dovrebbe avere difficoltà a recuperare per sabato, ma averlo in piena forma sarebbe importantissimo, considerate le assenze in avanti di Nassi, Malatesta e Cavalli.

Lorenzo Longhi Mantova

fonte ilmattino.it

0 commenti:

Posta un commento

Flash News

Post recenti