Tra Pisa e Salernitana vietato sbagliare

TESTATA SALERNITANA PISA SALERNITANA 19194 Vietato sbagliare. È questa la parola d’ordine che unisce Pisa e Salernitana, in campo questa sera alle 20.45 sul terreno dell’Arena Garibaldi – stadio Romeo Anconetani. Nonostante la serie positiva inaugurata contro il Sassuolo (tre pareggi e una vittoria nel derby con il Livorno), il Pisa non può permettersi ulteriori distrazioni, così come i granata di Castori (tornato sulla panchina il 24 gennaio, dopo la non felice parentesi Mutti) sono chiamati a trovare una continuità di risultati, smarrita da diversi turni (cinque sconfitte e tre vittorie, dopo il pari nel derby di Avellino alla 18ª giornata). La parola d’ordine è tanto più imprescindibile considerato il rendimento di compagini come Ascoli, Cittadella, Modena e Piacenza, in grado di accorciare la classifica e, quindi, coinvolgere nella palude della bassa classifica il gruppo di sei squadre a quota trentadue punti.  

1233 Ventura ha finalmente a disposizione quasi tutti gli elementi, tranne Joelson e Alfonso ( infortunati), insieme allo squalificato Genevier. La difesa dovrebbe essere costituita da Morello in porta, Birindelli, Bonucci, Viviani e Zavagno è la linea difensiva in grado di assicurare, dopo numerose tribolazioni, una certa solidità. Invece, l’assenza del centrocampista francese apre un ventaglio di possibilità tattiche. La prima soluzione, al momento la più probabile, è quella di confermare il 4-3-3: D’Anna, Radovanovic, Braiati a centrocampo, Alvarez, Antenucci e G. Greco in avanti; la seconda prevede Braiati centrale e Degano come esterno sinistro, con D’Anna punto fermo a destra. La terza ipotesi aprirebbe le porte al 4-3-1-2: D’Anna-Radovanoc-Braiati, con Leandro Greco o Degano nel ruolo di trequartista, Antenucci e G. Greco di punta. Ultima, ma non improbabile, opzione è il ritorno al 4-2-4: Braiati e Radovanovic mediani di contenimento, Alvarez e Degano esterni alti, a sostegno delle due punte. Novità di mercato sotto la Torre: dopo la risoluzione del contratto con Daniele Balli, il Pisa Calcio ha ingaggiato un nuovo portiere: si tratta dell’argentino, con passaporto italiano, Sebastian Cejas, classe 1975, che ha vestito le maglie di Roma, Siena, Ascoli, Fiorentina (dove ha centrato la promozione in A) ed Empoli.

Per Castori sono due i fattori che agitano la vigilia: l’assenza del bomber Fava per infortunio al ginocchio e l’influenza. L'attaccante, che ha disputato sedici partite realizzando sei reti, quasi sempre determinanti, è l’uomo che il tecnico di San Severino Marche reputa fondamentale in quanto detta i tempi e supporta il lavoro degli esterni. Nonostante il ricco mercato di gennaio - ben dieci arrivi – nella rosa della Salernitana non c’è un’alternativa naturale all’ariete di Formia. L’altro ostacolo è l’influenza, che ha colpito cinque effettivi: Pinna, Tricarico, Kyriazis, Scarpa e Cardinale, comunque partiti per Pisa. Kyriazis sembra, al momento, l’unico utilizzabile dal primo minuto. Castori pare così intenzionato a presentare un 4-3-3: Berni tra i pali; Cannarsa, Fusco, Peccarisi, Fatic o Marchese in difesa; Ciaramitaro, Pestrin e Soligo linea centrale; Iunco, Di Napoli, Ganci (in ballottaggio con Scarpa e Merino) in avanti. L’alternativa è data dal 4-3-2-1: invariati difesa e centrocampo, Scarpa e Ganci a supporto di re Artù Di Napoli. Tradizione sfavorevole ai campani. Nei precedenti sette incontri, la Salernitana non ha mai vinto: 4 vittorie pisane e tre i pareggi. L'ultimo incontro si è disputato in serie C1, nel lontano 1978-79: vittoria nerazzurra con rete do Claudio di Prete. L'arbitro sarà il signor Michele Cavarretta della sezione di Trapani, assistito da Cristian Bagnoli di Teramo e Marco Forconi di Aprilia; quarto uomo ufficiale Michele Liotta di Lucca.

1919SALERNITANA1919 BIS t

di Davide Rocchi

 

fonte www.realsports.it/

0 commenti:

Posta un commento

Flash News

Post recenti