CAMPIONATO 5ª DI RITORNO Salernitana, svolta totale Dopo i successi con Frosinone e Modena, Castori punta la Triestina

di Franco Esposito
12 SALERNO - La Salernitana cerca il tris al Nereo Rocco contro la Triesti­na, consapevole delle difficoltà della gara, ma anche rinfrancata dai suc­cessi contro Frosinone e Modena. Per i campani è la prima di due tra­sferte consecutive (lunedì prossimo saranno di scena a Pisa) e la posizio­ne in classifica impone la massima concentrazione perché il rischio di essere risucchiati in zona play out è sempre elevato. Castori recupera Di Napoli, ma non può ancora disporre dello squalificato (e infortunato) Coppola. Pinna, inoltre, è rimasto a casa per uno stato in­fluenzale e Luca Fu­sco ha qualche pro­blema muscolare. Il morale dei granata, però, è alto dopo le ul­time due vittorie, ca­ratterizzate da evi­denti progressi sul piano del gioco.
13 FAVA
- La Salernitana si affida a Di­no Fava, autore di una doppietta con­tro il Modena, in particolare di uno spettacolare gol di tacco. Fava è l'ex più atteso della gara. Sei anni fa pro­prio con la formazione giuliana rea­lizzò ventidue gol in serie B, stenden­do con una doppietta proprio la Sa­lernitana a Trieste nella parte finale del campionato cadetto (era il 17 maggio del 2003). La sua stagione è stata caratterizzata da un ottimo av­vio, poi dall'infortunio alla mandibo­la nella gara con l'Ancona a fine otto­bre, da un lungo riposo forzato e dal­la graduale ripresa, culminata con la rete del vantaggio a Frosinone e dal­la doppietta di sabato scorso contro il Modena. Sei gol, quelli fin qui messi a segno dall'ex triestino, che di fatto hanno dato ben quindici punti alla Salernitana. In pratica quando Fava segna, la squadra di Castori vince sempre. L'attaccante granata gioche­rà al centro del tridente offensivo, anche se in partenza i campani po­trebbero schierarsi col 4-4-2. I due esterni saranno Di Napoli e Iunco, entrambi al rientro, il primo dopo un turno di squalifica, il secondo dopo novanta minuti trascorsi in panchi­na a causa di un virus intestinale. Ganci, nonostante l'ottima prova for­nita contro il Modena, dovrebbe, quindi, essere avvicendato.
14 FUSCO
- I granata sono giunti ieri sera a Trieste, poco dopo le 18. I con­vocati sono venti. Mancano, per scel­ta tecnica, Russo e Fragiello. Ci sono, invece, il peruviano Merino e l'argen­tino Ledesma. L'unico dubbio della vigilia riguarda Luca Fusco. Ieri mattina, a Roma, il capitano della Sa­lernitana non ha pre­so parte alla rifinitura in quanto giovedì po­meriggio aveva accu­sato un fastidio al pol­paccio sinistro. Ripo­so precauzionale per l'ex messinese, ma la sua presenza è ovvia­mente in forte dub­bio. Stamani il giocatore proverà a forzare e successivamente si decide­rà in merito al suo eventuale impie­go. Se non dovesse farcela, al centro della difesa dovrebbe giocare Pecca­risi, in vantaggio su Roberto Cardi­nale. Quella di Fusco sarebbe un'as­senza importante perché il centrale salernitano è il perno della difesa.
FORMAZIONE
- La difesa, dinanzi a Berni, sarà completata da Cannarsa, Kyriazis e Marchese. A quest'ultimo toccherà dare una mano anche in fa­se offensiva. Per quanto riguarda il modulo, sulla carta Castori dovrebbe confermare il 4-3-3 « perché alla fine
- ha spiegato dopo la partita vinta col Modena - l'atteggiamento offensivo paga sempre. Dobbiamo migliorare nei tempi di gioco ». Non è da esclu­dere, però, così come è accaduto a Frosinone, che Iunco parta in posi­zione leggermente più arretrata, fa­cendo l'elastico tra centrocampo ed attacco. Sulla linea mediana gioche­ranno Ciaramitaro, Pestrin e Soligo.
L’ex Fava guida i campani sei anni fa con la maglia della squadra giuliana stese con una doppietta i granata. In forse L. Fusco

Fonte Corriere dello sport.it pubblicato il 17/02/09

www.corrieredellosport.it/

0 commenti:

Posta un commento

Flash News

Post recenti