0-0 Rimpianto Salernitana

Ci prova anche in dieci (fuori Peccarisi) e sfiora il colpo nel finale con Fatic

Image_0 PISA ( 4- 3- 3): Morello 6; Birindelli 6 Bonucci 6,5 Viviani 6 Zavagno 6,5; D'Anna 6 (19' st Radova­novic 6) Braiati 6,5 De­gano 5,5 ( 35' st Job sv); Alvarez 5,5 Antenucci 5,5 (31' st Gasparetto sv) G. Greco 5,5. A disp: Sar­ti, Piccinni, L. Greco, Feussi. All: Ventura 6 Falli commessi: 18 Fuorigioco fatti: 1 SALERNITANA ( 4- 3- 3): Berni 6; Kyriazis 6 Fusco 6,5 Peccarisi 5 Marchese 6,5; Soligo 6,5 Pestrin 6 Ciaramitaro sv (33' pt Fa­tic 6); Di Napoli 5,5 (24' st Cannarsa 6) Fava 5,5 Iunco 6,5. A disp: Iulia­no, Russo, Ledesma, Fra­gello, Ganci. All: Castori 6 Falli commessi: 19 Fuorigioco fatti: 0 ARBITRO: Cavarretta di Trapani 6 Guardalinee: Bagnoli e Forconi Quarto uomo: Liotta ESPULOI: 23' st Peccari­si (S) per doppia ammo­nizione.
AMMONITI: Braiati e Job (P); Marchese, Fatic, Pestrin ( S) per gioco scorretto.
NOTE: Spettatori: 7.000 circa, con buona rappre­sentanza salernitana. Se­rata non freddissima, campo in buone condizio­ni. Angoli: 5-1 per il Pisa. Recupero: pt 3'; st 4'

PISA - ( atc) Non è stato un match sbiadito, ma le fasi offensive delle due antagoniste non sono riu­scite ad incidere in ma­niera determinante sul risultato. Così è maturato un pareggio all'insegna dell'equilibrio spinto nei contenuti del gioco limi­tando gli episodi vera­mente spettacolari.
E' vero che il Pisa ha te­nuto maggiormente il possesso della palla ma il suo andazzo, dopo un av­vio sprintato, si è adegua­to ai ritmi della Salerni­tana che è progressiva­mente venuta fuori a cer­care repliche sempre più convinte ( Iunco super) che poi si sono forzata­mente affievolite quando l'espulsione di Peccarisi ha ridotto in inferiorità numerica la pattuglia di Castori.
Le iniziative di una cer­ta pericolosità sono lati­tate e solo in fase d'avvio si sono registrati i brividi più accentuati (bomba di Degano splendidamente neutralizzata da Berni al 4', tiro saettante di Di Na­poli al 6' parato da Morel­lo).
La vera occasionissima capitava alla Salernitana quando Fava ( 36') si av­ventava sull'angolo battu­to da Iunco per la devia­zione che transitava ap­pena ad un soffio dal pa­lo alla destra del battuto Morello.
Speculari nella disposi­zione tattica (4-3-3), con programmate velleità of­fensive che in gran parte sono rimaste tali, Pisa e Salernitana sapevano che il match aveva risvolti fondamentali per il loro futuro di classifica, con i nero-azzurri proiettati ad uscire dalla delicata quo­ta 32 e, per contro, la Sa­lernitana decisa ad avvi­cinarla per avere pro­spettive immediate più rassicuranti.
Con questi presupposti, accentuati dal trascorre­re del tempo, le due anta­goniste hanno impresso maggior vigore agonisti­co al rispettivo rendi­mento e il match si è ac­ceso nella sua seconda parte.
Dell'accentuato nervo­sismo ha fatto le spese Peccarisi, condannato dal doppio giallo ad usci­re anzitempo costringen­do così Castori a rivedere l'assetto tattico della squadra trasformatosi di­rettamente in un più guardingo 4-4-1 allo sco­po di salvaguardare il ri­sultato.
Nonostante il secondo tempo abbastanza conci­tato, nel quale il Pisa non ha saputo approfittare della superiorità numeri­ca, nessuna delle due for­mazioni è riuscita a dar vita a vere occasioni da gol eccezion fatta, nel fi­nale, per la violenta con­clusione di Fatic ( 42') neutralizzata con sicu­rezza da Morello ed una possibilità per Gasparet­to sfumata proprio in ex­tremis.

Fonte Corrieredellosport.it pubblicato il 24/02/2009

Foto (Grazia Neri)

0 commenti:

Posta un commento

Flash News

Post recenti